Chi sono

ALESSIA  SPARACIO

Mezzosoprano

Vocologa dell’arte, da sempre appassionata ai rompicapi che la voce ogni giorno sfida a risolvere, ha deciso di tradurre il linguaggio tecnico, così amato dagli insegnanti di canto, per chi si trova all’inizio dello studio.

Questo blog nasce per condividere le risposte alle molte domande che, negli anni, i giovani artisti le hanno posto.


Diplomata in canto presso il Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, prosegue gli studi sotto la guida delle Sig.re Maria Argento-Rancatore e Margareth Baker-Genovesi, per poi perfezionarsi con il Maestro Paolo Vaglieri.

Vincitrice di vari concorsi internazionali (su tutti il Giuseppe Di Stefano nel 1999 e l’As.Li.Co. nel 2001) debutta, negli anni successivi, i ruoli di Isabella ne L’Italiana in Algeri (dir. F. Zigante/regia M. Corradi) per l’Ente Luglio Musicale Trapanese, Donna Armida Gnoccolosa (dir. D. Lombardini/regia E. Dara) ne La Finta Parigina al Teatro Massimo di Palermo, Dulcinea in Don Chisciotte (regia F. Micheli), la Terza Dama in Die Zauberflöte, Isolier e Ragonde in Le comte Ory (dir. E. Mazzola e Ottavio D’Antone/regia P.L. Pizzi) per i teatri del circuito lombardo.

Seguono importanti debutti, tra i quali lo Stabat Mater di G.B. Pergolesi diretto da Spierer a Vicenza, il Requiem di Mozart e la Petite Messe Solennelle di Rossini. L’Italiana in Algeri (Isabella) con la regia di Pizzi e Rosina ne Il barbiere di Siviglia (dir. M. Barbacini / regia F. Crivelli) per il circuito lombardo e a Ravenna, l’Angelo nell’oratorio La Rosalia composto da Fortunato e Biondolillo, Candela ne El amor brujo di De Falla (dir. M. Lambertini) a Foggia, il Pantocratore del compositore siciliano Colletti alla Settimana Sacra di Monreale con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, il debutto di Fenena in Nabucco e Rosina ne Il Barbiere di Siviglia a Cuneo, Maddalena in Rigoletto al fianco di Renato Bruson (dir. B. Campanella/regia S. Agostinucci) al Teatro dell’Opera di Roma e Ciesca in Gianni Schicchi con Leo Nucci al Teatro San Carlo di Napoli (dir. G. Pehlivanian/regia di R. De Simone) e al Teatro Petruzzelli di Bari (dir. A. Fogliani/regia W. Pagliaro).

Numerose le collaborazioni con il Teatro Massimo di Palermo: Asprando in Carlo Re d’Allemagna di Scarlatti con l’Europa Galante diretta da Fabio Biondi, Zita in Gianni Schicchi con la regia di Francesco Micheli, Andrea Chénier (dir. A. Licata / regia G. Del Monaco), Persée et Andromède  (dir. J. L. König /regia L. Cantini), Manon di Massenet (dir. M. Plasson/regia A. Fassini ripresa da J. Franconi-Lee) e il Gloria di Vivaldi. Tra gli altri impegni in questo teatro, si ricordano Rigoletto (dir. K. L. Wilson / regia S. Vizioli), Alice nel paese delle meraviglie (dir. A. Fagen/regia F. Micheli) e Help Help the Globolinks di Menotti (dir. A. Tomasello/regia E. Marini).

Nelle stagioni successive, ha interpretato Meg Page in Falstaff (dir. G. Noseda /regia P.L. Pizzi) al Teatro Regio di Torino, il ruolo del titolo in Jacques di M. Emanuele in prima mondiale, prima ancella in Elektra di Strauss in forma di concerto con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, Carmen al Teatro Guaira di Curitiba in Brasile (dir. A. Sangiorgi /regia W. Neiva).

Ha debuttato Azucena ne Il Trovatore nei teatri di Biel, Solothurn e Olten in Svizzera (dir. F. Trinca / regia S. Pasterkamp) e ha ricoperto nuovamente il ruolo di Rosina nella tournée de Il Barbiere di Siviglia in Brasile (dir. di J. Neschling – Y. David – G. Martinenghi /regia P.F. Maestrini).  Ricordiamo inoltre lo Stabat Mater di Pergolesi con la Sinfonica Siciliana, Il Barbiere di Siviglia a Budrio e Forlì (dir. A. Salvagno/reg. M. Pezzutti), Madre e Donna Ruiz ne La Baronessa di Carini del compositore siciliano Fortunato a Palermo e al Teatro Bellini di Catania, il debutto di Adalgisa in Norma in un tour siciliano (dir. A. Veronesi/regia P. Panizza), il debutto in Mrs. Quickly nel Falstaff di Verdi in forma di concerto al Teatro Politeama con la direzione di M. Boemi, Mameli di Leoncavallo (prima mondiale) al Teatro Vittorio Emanuele di Messina (dir. A. Veronesi/regia L. Amato). In luglio 2012 è tornata al Luglio Musicale Trapanese con il ruolo di Azucena ne Il Trovatore (dir. G. Bisanti e la regia di G. Vaccari). Successivamente, è al Teatro Coliseu di Oporto con il ruolo di Zita in Gianni Schicchi (dir. Lobo/regia E. Paterniti).

Tra gli ultimi impegni, ricordiamo il debutto di Angelina ne la Cenerentola di Rossini (dir. A. Salvagno/regia G. Dispenza), di Mrs Quickly nel Falstaff di Verdi (dir. Patarra/regia Vizioli) Al Teatro Sao Pedro di San Paolo e di nuovo Rosina nel Barbiere di Rossini (dir.Ciervo/regia Simone Alaimo).

Ha interpretato sia Lady Tremenda nella Singerella di Dosto & Yevsky eseguita in prima mondiale al Teatro Massimo di Palermo (dir. R. Bongiovanni/regia Dosto & Yevsky), sia Suor Inclemenza in Follie! Follie! (dir. M. De Luca/regia Dosto & Yevsky) e il Mezzosoprano ne La carovana volante di D’Acquila (dir. Malinverno/reg. G. Borruso).

Ha al suo attivo registrazioni live di titoli quali L’Italiana in Algeri (Isabella) edita per l’Ente Luglio Musicale Trapanese e La finta Parigina (Donna Armida) per l’etichetta Bongiovanni.